SHARE
Corey taylor

Corey Taylor, cantante degli SLIPKNOT, in un’intervista sulla radio 98 Rock di Baltimora dice riguardo ai temi trattati su “.5: The Gray Chapter“: “C’è una storia sull’album, ma non segue una linea generale. E’ quasi come un film di Quentin Tarantino quando salta nel tempo e ci fa vedere costa sta succedendo. Il nostro album funziona proprio così, non inizia con un periodo di tempo che continua in maniera lineare. Ogni canzone ne racconta una parte diversa, ma bisogna guardare le varie canzoni come se facessero parte di un tutt’uno.

Non volevo fare un concept album, perché ne abbiamo già fatto uno con la mia altra band (STONE SOUR). Volevo fare qualcosa di autobiografico ed alcune canzoni parlano di Paul e altre parlano dell’inferno che abbiamo passato dopo la sua scomparsa, specialmente da un punto di vista emotivo.

Ultimamente ho usato il termine ‘guerra di emozioni’, perché è proprio quello che sta succedendo. Quando cerchi di arrivare a quel punto dove devi accettarlo, perché all’inizio non vuoi farlo..ci sono un sacco di emozioni che ti girano in testa. C’è un gran senso di colpa, quello di chi è sopravvissuto. C’è molta rabbia verso la persona che hai perso e a cui tenevi tantissimo, ce l’hai anche con te stesso, ti senti di merda e ti chiedi se avessi potuto fare qualcosa.. ti manda fuori di testa.

Qualsiasi persona che abbia perso qualcuno mi può capire e ad un certo punto devi fare un bel respiro profondo e dire ‘Okay, è successo quello che doveva succedere e non ci posso fare niente.’ In pratica è quello di cui parla l’album.”

“.5: The Gray Chapter” uscirà il 21 Ottobre tramite Roadrunner.

Lascia un commento

commenti

Nessun Commento