SHARE
Corey Taylor

Corey Taylor, frontman degli SLIPKNOT, durante un’apparizione sul podcast di Jamey Jasta degli HATEBREED, “The Jasta Show”, non è voluto entrare nei dettagli riguardo l’uscita di Joey Jordison dalla band spiegando: “Ci sono avvocati di mezzo ed è per questo che non ne posso parlare, ma allo stesso tempo – e le persone devono capirlo – c’è rispetto. Non parlerò della vita di Joey, perché non spetta a me e la gente lo deve capire. Se Joey vuoe parlare della situazione, lo può fare. Posso solo parlare di ciò che riguarda la band e l’unico modo in cui posso riassumere la situazione è che in poche parole sei sulla stessa strada e ad un certo punto arrivi ad un bivio. A volte succede che si procede insieme e a volte ci si separa. Questa volta ci siamo separati, è semplice, non potevamo più lavorare insieme.

Non starò seduto qui a parlar male di una persona con cui ho passato 15 anni a costruire qualcosa – non farò questo. I fan devono capirlo e penso che la maggioranza dei maggots lo capisce, ma ci saranno sempre persone che vogliono sapere di più cosicchè possono sparlare.”

Alla domanda se l’assenza di Joey Jordison si sia fatta sentire durante le registrazioni di “.5: The Gray Chapter”, Corey Taylor ha detto: “E’ una bella domanda e a dir la verità non ci ho mai pensato fino ad ora perché al tempo delle registrazioni cercavamo solo di andare avanti. Avevamo quest’idea di come l’album dovesse suonare, tutti erano positivi, quindi non è che facevamo finta di non pensarci ma cercavamo di andare avanti. Sicuramente ci sono state volte in cui ci manca la sua capacità di vedere le cose. Ma io, Jim e Clown, come abbiamo fatto con Paul e con quello che ha portato nella band, abbiamo dovuto riempire quegli spazi vuoti. Io e Jim siamo i primi a dire di avere imparato tantissimo dal lavorare con Paul e siamo stati capaci di imparare ‘il metodo’ con cui faceva le cose e l’abbiamo applicato nel nuovo album. Diciamo che è stata la stessa cosa con Joey. Lui per la maggiorparte era un generale in studio di registrazione, perché era veramente bravo nel sapere come ottenere un certo tipo di sonorità e nel fare determinate cose e aveva un grande gusto musicale per le intro delle canzoni e via dicendo. Quindi in qualche modo abbiamo dovuto riempire gli spazi vuoti.”

Riguardo al nuovo batterista: “L’abbiamo spremuto, ma era veramente contento. Era completamente in sintonia perché è un fan degli SLIPKNOT. C’era una parte di lui che continuava a non credere che fosse tutto vero e che stesse accadendo, ma l’altra parte di lui diceva ‘Dai cazzo!’, quindi è stato veramente figo”.

 

Lascia un commento

commenti

Nessun Commento