SHARE
JAMES HETFIELD

James Hetfield dei METALLICA ha fatto la sua prima apparizione pubblica qualche giorno fa dopo essere entrato in un programma di riabilitazione per dipendenza da alcool. 


Hetfield ha partecipato all’inaugurazione di una nuova mostra al Petersen Automotive Museum di Los Angeles, in California, e appariva in gran forma. La mostra presenta anche 10 delle auto più classiche appartenenti ad Hetfield, tra cui la Jaguar Black Pearl del 1948 e il Lincoln Zephyr Voodoo Priest del 1937, oltre a vari cimeli dei METALLICA.

Per via dei problemi di salute e dipendenza del frontman, ricordiamo che i METALLICA, lo scorso anno, sono stati costretti ad annullare il loro tour in Australia e Nuova Zelanda.Hetfield  si riunirà ai suoi compagni entro la fine dell’anno per una serie di apparizioni nei festival statunitensi, dove è previsto si esibiranno per due serate consecutive.

SHARE
Articolo PrecedenteI Grammy salutano PRINCE con FOO FIGHTERS ed altri ospiti
Articolo SuccessivoOZZY OSBOURNE: ‘Tony Iommi mi ha sempre intimidito’
Marcella D’Amore
Marcella D’Amore è artista/pittrice Italiana. Nasce a Roma nel 1965 e si diploma al II Liceo Artistico Statale di Roma nel 1983. Dopo il liceo comincia subito a dipingere, indirizzandosi verso uno stile figurativo paesaggistico. Tra il 1984 ed il 1987 si trasferisce a vivere a Londra ed una volta rientrata a Roma, frequenta le gallerie e i centri culturali della capitale. Dagli anni 90 ai 2000, partecipa a diverse collettive e mostre personali. Durante questo periodo un’altra delle sue passioni, quella per il cinema, cresce con sua grande soddisfazione. Diventa dunque attrice e figurante in film come : ” La Passione di Cristo” di Mel Gibson, “Ocean’s Twelve” di Steven Soderbergh , “Mission Impossible 3” di JJ Abrams , nella serie tv “Roma ” e in un gran numero di fiction e film italiani. Nel 2007 si trasferisce nelle vicinanze di Termoli, Molise. La sua pittura che fino ad allora aveva rappresentato soggetti di giardini inglesi, campagne in fiore, marine con barche a secco, trabocchi; ha una svolta con un cambiamento di stile radicale nel 2011, quando nella sua ambizione di sperimentare nuove tecniche, si orienta verso l’arte astratta sfociando nel simbolismo e nell’informale e soprattutto nella pop art, che sta tuttora sviluppando in un progetto dedicato principalmente al mondo della musica.

Nessun Commento