SHARE
LA BATTAGLIA DELLE COVER

“Addicted to love” è un brano storico del compianto cantante Robert Palmer, nato a Batley nel Regno Unito nel 1949 e morto a Parigi, nel 2003.

Era noto per la sua voce soul ma la sua produzione musicale aveva toccato diversi generi: dal jazz e blues, al rock e al rock elettronico fino a reggae.

“Addicted to Love” è la terza traccia del suo ottavo album “Riptide” del 1986. Questo brano fece epoca per diversi motivi. Lo stile base è rock ma si avvicina alla dance, combinazione tipica della musica anni 80. Rimase per lungo tempo al primo posto nelle classifiche statunitensi, ma ebbe un successo praticamente mondiale. Il video-clip collegato al singolo fece storia: diretto da Terence Donovan, presenta Palmer che canta contornato da una insolita band di seducenti modelle dalla pelle candida ma dal trucco accentuato, tutte rigorosamente e similmente vestite di nero. Fu premiato nella categoria “miglior video di artista maschile” all’MTV Music Awards 1986.

Infine e sempre nello stesso anno Tina Turner,  ne fece una delle prime trascinanti cover rock, confermandone il clamoroso successo.

E siamo agli EAGLES OF DEATH METAL, che aggiungono la cover del brano come bonus track nel loro secondo album “Death By Sexy” del 2006.

Nella cover gli EODM riducono al minimo la base musicale. Ne accelerano il ritmo basando tutto sulle ossessive percussioni e sulla parte vocale dove entrambi Jesse Huges e Josh Homme sono maestri.

Inevitabile ancora una volta il risultato: poiché più che cover sembra quasi una geniale presa in giro, come è tipico dell’ironia che caratterizza la band californiana.

Video :

Lascia un commento

commenti

SHARE
Articolo PrecedenteGUNS N’ ROSES: frecciatina a STEVEN TYLER, ‘Grazie a chi si sta prendendo i meriti per la reunion’
Articolo SuccessivoDEF LEPPARD: il video di ‘Dangerous’
Marcella D’Amore
Marcella D’Amore è artista/pittrice Italiana. Nasce a Roma nel 1965 e si diploma al II Liceo Artistico Statale di Roma nel 1983. Dopo il liceo comincia subito a dipingere, indirizzandosi verso uno stile figurativo paesaggistico. Tra il 1984 ed il 1987 si trasferisce a vivere a Londra ed una volta rientrata a Roma, frequenta le gallerie e i centri culturali della capitale. Dagli anni 90 ai 2000, partecipa a diverse collettive e mostre personali. Durante questo periodo un’altra delle sue passioni, quella per il cinema, cresce con sua grande soddisfazione. Diventa dunque attrice e figurante in film come : ” La Passione di Cristo” di Mel Gibson, “Ocean’s Twelve” di Steven Soderbergh , “Mission Impossible 3” di JJ Abrams , nella serie tv “Roma ” e in un gran numero di fiction e film italiani. Nel 2007 si trasferisce nelle vicinanze di Termoli, Molise. La sua pittura che fino ad allora aveva rappresentato soggetti di giardini inglesi, campagne in fiore, marine con barche a secco, trabocchi; ha una svolta con un cambiamento di stile radicale nel 2011, quando nella sua ambizione di sperimentare nuove tecniche, si orienta verso l’arte contemporanea sfociando nel simbolismo e nell’informale. Attualmente sta continuando a lavorare su questo progetto

Nessun Commento